Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri

CONGRESS ABSTRACT

CONGRESS ABSTRACT

Categorie
Nuova mutazione maligna nella cardiomiopatia ipertrofica
Anno:
2023
Un uomo di 62 anni con diagnosi di cardiomiopatia ipertofica (CMPI) non ostruttiva, portatore di pace-maker (PM) bicamerale dall’età di 40 anni per un blocco atrioventricolare di terzo grado, episodi fibrillazione atriale (FA) e flutter ad elevata risposta ventricolare di cui un complicato da shock cardiogeno e insufficienza multiorgano….
Defibrillatore indossabile nei pazienti a transitorio rischio di morte improvvisa: esperienza del centro di Piacenza
Anno:
2023
Introduzione Le malattie cardiovascolari  rappresentano nel mondo ancora la prima causa di decesso, di cui il 25% è costituito dalla morte cardiaca improvvisa (MCI), correlata soprattutto a cardiopatia ischemica ed a cardiopatia strutturale. Il defibrillatore impiantabile (ICD) costituisce un’arma efficace nella prevenzione della morte improvvisa in pazienti ad alto…
Efficacia e sicurezza del defibrillatore indossabile LifeVest® in pazienti con cardiopatia ipocinetico dilatativa ischemica e non ischemica di nuovo riscontro: esperienza del nostro centro
Anno:
2023
Introduzione lI defibrillatore indossabile (WCD) è indicato nei pazienti a rischio di morte cardiaca improvvisa che non hanno nel breve termine indicazione ad impianto di un dispositivo definitivo. L’efficacia nel riconoscimento e trattamento di tachiaritmie ventricolari è stata dimostrata nel contesto della cardiopatia ischemica post infartuale, mentre scarse evidenze…
Cardiomiopatia aritmogena isolata del ventricolo sinistro o forma dilatativa: che ruolo ha l’analisi genetica?
Anno:
2023
INTRODUZIONE: La cardiomiopatia aritmogena (CA) è una malattia genetica del muscolo cardiaco caratterizzata dalla sostituzione del miocardio ventricolare con tessuto fibro-adiposo. La malattia era stata inizialmente denominata “displasia aritmogena del ventricolo destro” per indicare una condizione che colpiva distintamente il ventricolo destro e predisponeva ad aritmie ventricolari fatali. L’avanzamento della…
Prolasso valvolare mitralico e rischio di morte cardiaca improvvisa in paziente con aritmie ventricolari: il ruolo prognostico della RMN cardiaca
Anno:
2023
Introduzione: il prolasso valvolare mitralico rappresenta nella maggior parte dei casi una condizione benigna, tuttavia nel 2% dei casi è stata associata a rischio di morte cardiaca improvvisa (MCI). Basso et al hanno evidenziato in pazienti deceduti per MCI con prolasso della mitrale fibrosi del m. papillare e della parete…
C7
DEFIBRILLATORE INDOSSABILE IN PAZIENTI A TRANSITORIO RISCHIO DI MORTE IMPROVVISA:UTILE UNA SELEZIONE DEL PAZIENTE?
Anno:
2022
Introduzione Il defibrillatore indossabile (WCD) e’ considerato in pazienti a rischio di morte improvvisa, in cui è transitoriamente controindicato il defibrillatore impiantabile (ICD).Diversi registri hanno confermato l’efficacia e sicurezza del WCD ed un recupero della Frazione di eiezione ventricolare sinistra(FEVS)al termine dell’indossamento. Metodi Da Agosto 2017 a settembre 2021…
P30
ARRESTI CARDIACI IN AMBIENTE SPORTIVO: COSA CAMBIA RISPETTO AD ALTRI LUOGHI PUBBLICI?
Anno:
2022
Introduzione Gli arresti cardiaci in ambito sportivo possono coinvolgere atleti professionisti, amatoriali, ma anche spettatori di competizioni sportive. Gli impianti sportivi sono gli unici per cui la legge attuale preveda la presenza di un defibrillatore automatico esterno (DAE) e di personale formato, a differenza di altri luoghi pubblici (scuole,…
P24
DEFIBRILLATORE INDOSSABILE: UTILITÀE FACILITÀ D'IMPIEGO
Anno:
2022
Introduzione Le malattie cardiovascolari  rappresentano nel mondo ancora la prima causa di decesso, di cui il 25% è costituito dalla morte cardiaca improvvisa (MCI), correlata soprattutto a cardiopatia ischemica ed a cardiopatia strutturale. Il defibrillatore impiantabile ( ICD) costituisce un’arma efficace nella prevenzione della morte improvvisa in pazienti ad…
C8
L'IMPORTANZA DELLA CEREBRAL PERFORMANCE CATEGORY NELLA DECISIONE DI IMPIANTARE UN ICD NEI PAZIENTI SOPRAVVISSUTI AD ARRESTO CARDIACO EXTRAOSPEDALIERO CON ESITI NEUROLOGICI
Anno:
2022
Introduzione Le linee guida della Società Europea di Cardiologia raccomandano in classe I l'impianto di defibrillatore (ICD) in prevenzione secondaria solo per i pazienti con una sopravvivenza stimata maggiore di un anno e con un buono stato funzionale, ma non specificano come valutarlo. Nei sopravvissuti ad arresto cardiaco extra-ospedaliero…
C39
PREDITTORI ECOCARDIOGRAFICI DI EVENTI ARITMICI MALIGNI IN UNA POPOLAZIONE DI PAZIENTI CON PROLASSO ARITMICO DELLA VALVOLA MITRALE.
Anno:
2022
Premessa: Il prolasso mitralico bilembo (MVP) è descritto in associazione ad eventi aritmici maggiori e morte cardiaca improvvisa (MI). L’ecocardiografia (TTE) è il mezzo migliore per la diagnosi di MVP e per l’analisi dell'attivazione elettrica del miocardio. L’obiettivo dello studio è di identificare nuovi predittori di eventi maligni nei…