Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri

CONGRESS ABSTRACT

CONGRESS ABSTRACT

Categorie
P210
FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE IN ANZIANA CON STORIA CARDIOLOGICA APPARENTEMENTE MUTA: UN COLPEVOLE NASCOSTO.
Anno:
2022
A. Sansonetti, M. Armillotta, S. Amicone , A. Impellizzeri, M. Fabrizio, F. Angeli , L. Bergamaschi, A. Stefanizzi, I. Magnani, A. Rinaldi , A. FoÀ, N. GaliÈ, C. Pizzi
Una donna di 85 anni, mentre si trova al supermercato, presenta un arresto cardiaco. Vengono prontamente eseguite le manovre rianimatorie con ROSC dopo DC shock su fibrillazione ventricolare e immediato recupero emodinamico e neurologico. Il primo ECG eseguito dai soccorritori non mostra alterazioni ischemiche acute e la paziente è quindi trasferita presso la Terapia Intensiva…
P209
FOLLOW-UP DEL PAZIENTE DOPO SINDROME CORONARICA ACUTA: IL PROGETTO PONTE-SCA PUGLIA
Anno:
2022
P. Scicchitano, N. Locuratolo, A. Lillo, L. Sublimi Saponetti, V. Palumbo, S. Lanzone, C. Campanella, L. Mancini, F. Massari, R. Landriscina, G. Barba, A. De Santis, P. Caldarola
Razionale. Il paziente dimesso dopo sindrome coronarica acuta (SCA) necessita di uno stretto follow-up al fine di ottimizzare la terapia a lungo termine e prevenire eventi avversi. Lo scopo del progetto PONTE-SCA è di valutare l’impatto che l’adozione di un programma di gestione integrata tra ospedale e territorio può…
P207
SINDROME DI KOUNIS TIPO 2: A COLD CASE
Anno:
2022
L. Zerillo, I. Oppo, P. Aveta, R. Rotunno
Caso clinico: Un uomo di 61 anni, fumatore e con familiarità per malattie cardiovascolari, aveva iniziato terapia antibiotica orale con amoxicillina/acido clavulanico in seguito alla comparsa di un ascesso dentario. Dopo circa 30 minuti dall’assunzione dell’antibiotico, lamentava la comparsa di un diffuso eritema agli arti, seguito da intenso prurito e…
C59
LA FREQUENZA CARDIACA ALLA DIMISSIONE È UN PREDITTORE INDIPENDENTE DI MORTALITÀ DA TUTTE LE CAUSE A LUNGO TERMINE IN PAZIENTI CON SCA: INSIGHTS DALLO STUDIO PONTE SCA
Anno:
2022
F. Lisi, N. Locuratolo, D. Rutigliano, C. Campanella, L. Mancini, G. Parisi, L. De Gennaro, V. M. Bonfantino, A. Potenza, P. Sasanelli, P. Scicchitano, A. Barletta, P. Caldarola
Background. La frequenza cardiaca impatta sulla prognosi di pazienti con malattie cardiovascolari. Lo scopo dello studio era di valutare l'impatto della frequenza cardiaca alla dimissione in pazienti con SCA e/o rivascolarizzazione coronarica al follow-up a lungo termine. Metodi. Si tratta di una sottoanalisi dello studio PONTE SCA. Lo studio PONTE…
C58
SOPRAVVIVENZA A LUNGO TERMINE IN ITALIA DEI PAZIENTI RICOVERATI PER IMA E GESTITI CON RIVASCOLARIZZAZIONE MIOCARDICA O APPROCCIO CONSERVATIVO
Anno:
2022
L. De Luca, P. D’Errigo, G. F. Mureddu, S. Rosato, G. Badoni, F. Seccareccia, G. Baglio
Introduzione: I benefici clinici a lungo termine della rivascolarizzazione miocardica in una coorte contemporanea di pazienti con infarto miocardico acuto (IMA) non sono chiari. Abbiamo voluto confrontare i tassi di mortalità globale a 8 anni dei pazienti ricoverati negli ospedali italiani per un primo IMA gestito con o senza…
C57
LA DUPLICE TERAPIA ANTIAGGREGANTE NON È PREDITTORE DI TUTTE LE CAUSE DI SANGUINAMENTO AL FOLLOW-UP A LUNGO TERMINE DOPO SCA: UNA SOTTOANALISI DELLO STUDIO PONTE-SCA
Anno:
2022
G. Citarelli, N. Locuratolo, G. De Martino, M. Resta, M. Sassara, G. Ricci, M. Cicala, A. Piscopo, M. Sanasi, P. Scicchitano, F. Lisi, T. Spadafina, D. Grande, P. Caldarola
Background. La duplice terapia antiaggregante (DAPT) ha importanti ripercussioni sugli outcomes clinici nelle coronaropatie. Tuttavia, il rischio di sanguinamento spesso impatta sulla somministrazione a lungo termine della DAPT. Lo scopo dello studio era di valutare i determinanti del rischio di sanguinamento dopo sindrome coronarica acuta (SCA). Metodi. Si tratta di…
C56
IMPATTO DELLA TERAPIA STATINICA SULLA PROGNOSI DI PAZIENTI DIMESSI DOPO SINDROME CORONARICA ACUTA: UNA SOTTOANALISI DELLO STUDIO PONTE-SCA
Anno:
2022
P. Basso, N. Locuratolo, F. Carrata, D. De Laura, D. Cavallari, S. Rutigliano, F. Trotta, M. Basile, P. Scicchitano, I. Nalin, C. Paolillo, P. Caldarola
Background. La somministrazione di statine in pazienti dimessi dopo sindrome coronarica acuta (SCA) è fondamentale al fine di evitare recidive di eventi cardiovascolari avversi. L'aderenza e la persistenza alla terapia con statine sono ardue. Lo scopo dello studio era di valutare l'impatto prognostico di un dedicato programma di follow-up ambulatoriale…
P206
IMPATTO DI ETÀ, GENERE E SCOMPENSO CARDIACO SUI TREND DI MORTALITÀ DOPO INFARTO MIOCARDICO ACUTO IN ITALIA
Anno:
2022
L. De Luca, S. D. Cicala, P. D’Errigo, F. Cerza, G. F. Mureddu, S. Rosato, G. Badoni, F. Seccareccia, G. Baglio
Introduzione. L’esito nei pazienti con Infarto Miocardico Acuto (IMA) può variare sensibilmente in considerazione del rischio basale. Utilizzando una coorte di IMA definita sulla base di un database amministrativo nazionale, completo e universale, abbiamo analizzato l’impatto di genere, età e scompenso cardiaco (SC) sui trend di mortalità. Metodi. Si…